Vai al contenuto

Diecimila morti al giorno. Togliete i brevetti su vaccini, test e trattamenti anti-Covid, ora!

Big Pharma ha tenuto in ostaggio le popolazioni dei paesi a basso e medio reddito riservando le forniture di vaccini, a prezzi elevati, ai paesi più redditizi. La mancanza di un accesso universale immediato a vaccini, trattamenti, test e altre tecnologie potrebbe causare centinaia di migliaia di morti e l\’emergere di varianti più contagiose. Dal 2 ottobre 2020, giorno in cui i paesi del Sud, guidati dal Sudafrica e dall\’India, hanno chiesto all\’OMC la soppressione dei brevetti sui vaccini anti-Covid, rifiutata dall\’Unione Europea e dalla Svizzera in particolare, una media di 10.119 persone al giorno sono morte per questa malattia! Mentre la conferenza ministeriale dell\’OMC si riunisce dal 30 novembre al 3 dicembre a Ginevra, mobilitiamoci per gridare il nostro disaccordo con questa politica di \”apartheid\” medica e per esigere la soppressione dei diritti di proprietà intellettuale di Big Pharma sui vaccini, i trattamenti e le diagnosi COVID-19!

I vaccini sono stati sviluppati con fondi pubblici. Mentre sono massicciamente distribuiti nei paesi ricchi, la loro vendita beneficia oggi solo i grandi azionisti di Big Pharma, che vedono esplodere i loro dividendi. In contrasto con questa logica, l\’abolizione dei diritti di proprietà intellettuale permetterebbe un accesso molto più ampio a vaccini, trattamenti e diagnostica e salverebbe centinaia di migliaia di vite umane. Un notevole studio dell\’organizzazione americana dei consumatori Public Citizen, in collaborazione con i ricercatori dell\’Università di Oxford, dimostra che rimuovendo i brevetti e la protezione delle informazioni non divulgate ed effettuando il trasferimento di tecnologia, possiamo vaccinare il mondo e sradicare la pandemia.

Rimuovere la proprietà intellettuale: una soluzione conveniente per milioni di vite salvate.

Usando gli stessi strumenti di pianificazione che l\’industria farmaceutica usa per preparare i suoi progetti di siti industriali, lo studio propone un caso convincente su come la comunità globale potrebbe stabilire centri regionali capaci di produrre otto miliardi di dosi di vaccino entro maggio 2022. Questo permetterebbe di vaccinare l\’80% della popolazione con un costo di 9,4 miliardi di dollari, equivalente al bilancio annuale dello Stato di Ginevra… un costo irrisorio considerando le centinaia di migliaia di vite che potrebbero essere salvate. Questa cifra è ancora più eloquente se paragonata alle decine di miliardi di sussidi governativi ricevuti dai trust farmaceutici per sviluppare i vaccini… Vogliamo davvero che questi investimenti pubblici permettano solo alle popolazioni dei paesi ricchi di essere vaccinate con il rischio di non liberarsi mai del COVID-19, permettendo a pochi privilegiati di accumulare fortune colossali?

Mobilitiamoci per la vita di tutti, contro i profitti di pochi.

La lotta contro il Covid-19, ma anche contro tutte le altre malattie e problemi medici, deve essere condotta su scala planetaria sospendendo la logica della massimizzazione del profitto. La produzione di mezzi di prevenzione, vaccini, medicine, ecc., ma anche la cura dei malati non può dipendere dalla loro solvibilità. Il controllo pubblico della ricerca, dell\’industria farmaceutica e del settore ospedaliero, così come lo sviluppo di un servizio sanitario pubblico di qualità e gratuito, è quindi più che mai indispensabile. In questo senso, l'esempio di Cuba, con lo sviluppo del suo vaccino pubblico e la sua solidarietà internazionale nel campo della salute, mostra la strada. Mentre la conferenza ministeriale dell\’OMC si riunisce dal 30 novembre al 3
dicembre a Ginevra, mobilitiamoci per gridare il nostro disaccordo con questa politica di \”apartheid medica\” e per esigere la soppressione dei diritti di proprietà intellettuale sui vaccini, le cure e tutti gli altri prodotti medici, necessaria per frenare la COVID-19! Questo è essenziale per garantire il diritto alla salute per tutti.

Ovunque, cittadini, associazioni, sindacati, funzionari eletti… cogliamo questi Giorni della Vergogna per manifestare a favore dell\’Accesso universale ed effettivo ai vaccini, ai trattamenti e alla diagnostica che devono essere considerati come beni comuni. Il mantenimento dei diritti di proprietà intellettuale è criminale! Sosteniamo i paesi del Sud esigendo insieme la loro abolizione senza ulteriori indugi!

Incontriamoci il 30 novembre 2021 alle 17:30 a Ginevra, Place Lise-Girardin, per una grande manifestazione a lume di candela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.